Il menù di Natale: vieni a mangiare in Puglia - Tou.Play
1484
post-template-default,single,single-post,postid-1484,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-3,qode-product-single-wide-gallery,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Il menù di Natale: vieni a mangiare in Puglia

 

 

Anche quest’anno è arrivato il Natale. Le luci, i regali, gli auguri “anche a te e in famiglia”.
Ma per noi pugliesi in questo periodo il richiamo più forte è quello del cibo.
Sappiamo che dal 24 dicembre fino al giorno dell’Epifania ci attende una maratona mangereccia,
che ci porterà ad essere un tutt’uno con la tavola, fino a diventare un nuovo mobile Ikea.

 

 

Cosa succede nelle cucine dei Pugliesi?
Vi portiamo con noi in un viaggio al sapore di Puglia,
proponendovi un menù per la vigilia che attraversa le sei province della regione.

 

Sopatavola : Foggia

 

Mentre si aspetta che la cena sia pronta, si inganna l’attesa con i sopatavola.
Non sono primi, né secondi, né antipasti.
Stanno, semplicemente, “sopra la tavola”, per chi vuole spezzare la fame.
Tipici di Foggia, e in particolare di Cerignola, l’auui sfritt (olive dolci fritte),
che vengono accompagnate da pomodori secchi e peperoncino.

 

Antipasto : Bari

 

È il momento di sedersi a tavola e di iniziare a mangiare sul serio.
Per cominciare vi proponiamo da Bari una varietà di frutti di mare, rigorosamente crudi.
Canestrelle, tagliatelle di mare, cozze, ricci, vongole, ostriche.
Da assaporare con un pò di limone, o per i puristi, così come arrivano dal mare.

 

Primo : Taranto

 

Siamo arrivati al primo. Parte il passaggio di piatti fino al pentolone per fare le porzioni.
Anche in questo caso,il pesce è protagonista. A Taranto si gusta la pasta con baccalà.
Come tipo di pasta viene consigliato il formato “calamarata”.

 

Secondo : BAT

 

Proseguiamo con il secondo.
Durante il periodo delle festività natalizie le donne pugliesi diventano
campionesse dello sport estremo di frittura no limits.
Nella provincia BAT(Barletta Andria Trani) in particolare,
cucinano le frittelle : cuscini salati, da mangiare caldi, vuoti, freddi o ripieni.

 

Contorno : Brindisi

 

Con cosa accompagnare il secondo? La risposta ci arriva da Brindisi.
I lampascioni, detti anche ampascioni o pampascioni,
sono dei bulbi dal sapore un pò amorognolo, ma deliziosi.
Vanno serviti con olio, aceto, sale e pepe.  Sono ottimi se gustati con il purè di fave.

 

Dolce : Lecce

 

Avete lasciato nei vostri stomaci il famoso “spazio per il dolce”? Ve lo assicuriamo, ne vale la pena.
A Lecce si preparano i purceddhruzzi, dadini di pasta dolce fritta
così chiamati perchè la loro forma ricorda dei maialini (purceddhruzzi per l’appunto).
Sono ricoperti con miele e serviti con cannella e minicioccolatini colorati.

[/mp_text]

[/cherry_col_inner]

[/cherry_row_inner]

[cherry_row_inner type=”full-width” bg_type=”none” bg_position=”center” bg_repeat=”no-repeat” bg_attachment=”scroll” bg_size=”auto” parallax_speed=”1.5″ parallax_invert=”no” min_height=”300″ speed=”1.5″ invert=”no”]

[cherry_col_inner size_md=”12″ size_xs=”none” size_sm=”none” size_lg=”none” offset_xs=”none” offset_sm=”none” offset_md=”none” offset_lg=”none” pull_xs=”none” pull_sm=”none” pull_md=”none” pull_lg=”none” push_xs=”none” push_sm=”none” push_md=”none” push_lg=”none” collapse=”no” bg_type=”none” bg_position=”center” bg_repeat=”no-repeat” bg_attachment=”scroll” bg_size=”auto”]

[mp_text]

Teoricamente  la cena della vigilia finisce qui.
In pratica ci si potrà alzare da tavola per sgranchirsi le gambe e prendere un pò d’aria,
per poi sedersi nuovamente e aspettare la mezzanotte tra tombole e carte.

 

E voi cosa mangiate durante la cena della vigilia?
Ma sopratutto, ci lasciate un posto a tavola?

 

Alla prossima, e buone Feste!

#sharethepriscio